Cerca
  • Ad'Architettura

Parva sed apta mihi!

Aggiornato il: giu 1

L'importante è che sia in mezzo alla natura.

Il lungo periodo che ci siamo appena lasciati alle spalle, con gli strascichi delle misure di contenimento per poter convivere con Covid-19, ci ha regalato una gran voglia di proiettarci subito verso l'estate, riappropriandoci con moderazione degli spazi esterni e immergendoci nella natura che ci circonda, grazie a lunghe passeggiate o giri in bici. Le seconde case, siano esse in campagna, al mare o in montagna, quest'anno si aprono in anticipo rispetto alla consuetudine, diventando oasi di pace in cui rifugiarsi e magari continuare a lavorare con la modalità dello smartworking, dove possibile, come ci ha insegnato nei mesi scorsi l'obbligo della reclusione in casa.

La bella stagione ci invita a vivere più all'esterno che all'interno, anche sacrificando a volte i metri quadri delle case di villeggiatura, purchè queste siano confortevoli, luminose e ricche di quei dettagli che fanno la differenza, ma la cosa più importante è che siano dotati di vitali spazi esterni.

Nelle campagne comprese tra Marsala e Trapani, un ex capanno degli attrezzi di ridotte dimensioni è stato convertito in depandance estiva di una casa per la villeggiatura estiva. Una rapida ristrutturazione dell'interno ha visto il rifacimento degli intonaci a base di calce, la tinteggiatura del tetto in legno per dare nuova luce all'ambiente interno e l'inserimento di una finestra da tetto #Velux per migliorare l'illuminazione diurna e per addormentarsi la sera guardando le stelle. A completare le finiture del mini alloggio, il pavimento in listoni di legno e alcuni dettagli sparsi qua e la, come gli ironici omini in compensato di betulla incollati sulla porta del bagno.

La cucina, è stata essenzialmente ricavata dall'inserimento di un lungo tavolone da carpenteria, comunemente utilizzato nei cantieri edili, in cui è stato collocato un antico "lemmo" siciliano (di solito utilizzato per "incocciare" il couscous") qui riutilizzato come lavello e un piano di cottura a due fuochi in cui cucinare.

Un secondo asse di legno, anche questo per l'intera lunghezza della stanza, funge da appoggio per piatti, bicchieri e per un comodo forno elettrico. Al di sotto del piano di lavoro, ripiani, sportelli, contenitori e un piccolo frigorifero, nascosti da una tendina in colore grigio, completano le dotazioni della piccola ma funzionale cucina. La restante parte del ripiano in legno, viene comunemente utilizzata come postazione di lavoro o come piano snack quando le condizioni meteo non consentono di mangiare all'aperto.

Per il resto delle cose, si può contare sempre su mamma #Ikea, che suggerisce ed offre tante soluzioni "smart" per recuperare spazio o rendere versatili ambienti a ridotte dimensioni. Il comodissimo divano/letto #pslovas che si trasforma in pochi istanti passando dalla modalità divano a quella letto, grazie alle due ruote che fanno scorrere agevolmente la struttura o i due sgabelli salva spazio #franklin, funzionali sia ai momenti dedicati al lavoro che alle colazioni in interno.

Dare un tocco di originalità a questo simpatico "Qubotto", come lo abbiamo ribattezzato noi, arricchendolo di dettagli, serve a rendere ancora più piacevoli i momenti da trascorrere all'interno. Ad esempio durante le ore centrali della giornata, quando le caldi estati siciliane ti invitano a fare un riposino post pranzo al fresco o la sera prima di addormentarsi leggendo un buon libro a letto.

La bella stagione ci invita ad estendere il living nello spazio esterno, dove trasferiamo i nostri momenti di relax e di convivialità all'interno di uno spazio circondato dal verde e coperto da un pergolato che ci fa intravedere il cielo lasciando filtrare la luce.

Un salotto all'aperto, da vivere durante i pomeriggi e le fresche serate estive, dove trascorrere, in compagnia di amici, piacevoli momenti, assaporando aperitivi, nutrendosi di chiacchierate all'aperto e concludendo la giornata con una gustosa cena sotto ad un cielo stellato, al suono di grilli e cicale.

Anche lo spazio esterno è stato progettato con una certa attenzione, concependo tutti gli elementi secondo il principio della reversibilità. Dalla pavimentazione a moduli quadrati in legno di teak, alla "panca/aiuola" realizzata con assi di legno da carpenterie, tutto è facilmente smontabile e ricomponibile in pochi minuti e pronto per essere smontato a fine stagione. Anche la tettoia pergolata, realizzata con struttura a secco mista in ferro e legno è assolutamente removibile all'occorrenza. Due comode poltrone "#Skarpo" vivacizzate da coloratissimi cuscini e un tavolo e sedie della serie "Tarno" di Ikea, costituiscono l'arredo esterno della veranda. Il tutto è completato dalla natura circostante, che circonda questo spazio con la presenza di antichi alberi di ulivo, alte palme e colorate piante di oleandri.

Una mini abitazione, dotata di ogni comfort (wi-fi compreso) "parva sed apta mihi", purchè dotata di uno spazio esterno in grado di rendere più piacevole la nostra estate.

Vi è venuta voglia di realizzare un vostro spazio per trascorrere le estati all'aperto? Noi vi abbiamo mostrato cosa siamo stati capaci di fare in pochi metri quadri. Che si tratti di una terrazza, di una veranda, di un balcone, di un piccolo o di un grande edificio, basta poco per ridargli nuova vita e renderlo più gradevole ed ospitale, anche con pochi accorgimenti. Ad'architettura è qui per aiutarvi nel realizzare il vostro sogno. Per contattarci, cliccate qui.




















502 visualizzazioni
  • Ad'architettura
  • Ad'architettura